Perché scrivo

Mi raccomando, leggete anche i commenti, che aggiungono valore al post.

Plutonia Publications

skull

Il discorso l’abbiamo affrontato molte volte, trasversalmente,
La questione non l’ho però mai presa di petto. Facciamolo oggi, cercando di limitare le parole, per non scivolare nell’inutile filosofeggiare. In fondo oggi inizia la primavera, e ho bisogno di automotivarmi un poco. Dunque…
… Perché scrivo?
Andiamo per esclusione, così ci divertiamo.
NON ho demoni da esorcizzare con la scrittura;
NON è solo una passione;
NON è solo per i soldi;
NON è per proselitismo, perché NON ho messaggi salvifici/politici da trasmettere.
NON è un atto di emulazione degli scrittori che amo.

E allora, cos’è?

View original post 365 altre parole

Perché usare LibreOffice?

Un buon post che sottolinea bene i vantaggi di LibreOffice.

Marco Freccero - Autore Indipendente

libreoffice suite opensource

Non ho niente contro Pages, il programma di videoscrittura di Apple che uso da quando è stato presentato. Ne sono soddisfatto, non ha la spaventosa barra degli strumenti di Word, tanto per iniziare. Ha solo un difetto: non apre né esporta in .odt, il formato utilizzato invece da LibreOffice. E mi sono domandato: non è meglio ricorrere alla suite Open Source più celebre al mondo? Chi scrive, non dovrebbe usare LibreOffice?
Ci sono diverse buone ragioni per usare LibreOffice, e una è la seguente.

View original post 565 altre parole

Penne Matte: intervista ad Alberto Grandi, giornalista di Wired

Angolo Lettura

Scrivi. Leggi. Vota“. Sono queste le tre parole chiave che descrivono il progetto Penne Matte, ideato da Alberto Grandi, giornalista di Wired.it.

Al centro ci sono la scrittura, la lettura e la condivisione.

Andiamo a scoprire di cosa si tratta.

Foto del 22-07-14 alle 11.11

  • Alberto, parlaci di Penne Matte: qual è stata la scintilla che ha dato inizio a tutto?

Sono giornalista per Wired.it, per lavoro sono entrato in contatto col mondo del self publishing italiano. Ciò mi ha permesso di esplorare la narrativa autopubblicata in rete, i suoi autori, alcuni davvero bravi, e mi ha reso consapevole del desiderio presente sul Web non solo di scrivere, ma leggere, commentare, rendere la letteratura materia di confronto. Così ho pensato a un social network dove si potessero fare tutte queste cose: leggere, scrivere e discutere. Ogni utente iscritto a Penne Matte è al contempo autore, lettore e critico.

  • Sei un giornalista…

View original post 306 altre parole