Sword Art Online: Lost Song

Sword Art Online: Lost Song (SAO:LS) è il secondo tie-in videoludico della saga di Sword Art Online e si colloca dopo i fatti di Sword Art Online: Hollow Fragment (SAO:HF) e in parallelo, ma su un piano diverso, ai fatti che si svolgono nella seconda parte della prima stagione dell’anime e nelle novelle 3 e 4, arco narrativo a cui ci si riferisce con il titolo di Fairy Dance.

sword art online fairy dance
Kirito e compagni nel mondo di ALO

Cosa cambia rispetto a Fairy Dance?

SAO:LS ha una sua storia originale scritta appositamente per il gioco, che riprende dal punto in cui si era concluso SAO:HF e stabilisce una continuity tra i due tie-in videoludici. Significa che molti degli eventi di Fairy Dance non vengono trasposti nel gioco.
Il risultato è una storia che si distacca completamente da quella di Fairy Dance. In questo modo gli sviluppatori rendono accessibile il gioco anche ai neofiti della saga, proponendo una narrazione coerente che non necessita della visione dell’anime o della lettura delle novelle per essere compresa. Inoltre, per chi non avesse giocato a SAO:HF, all’inizio del gioco c’è un recap opzionale degli eventi.

Cantami una canzone

seven_saoLS
Seven

La storia ruota intorno alle due nuove eroine Seven e Rain, che fanno la loro prima comparsa nel mondo videoludico di SAO proprio in SAO:LS, come co-protagoniste. Bambina prodigio, laureata al MIT, a soli 12 anni Rainbow Arshavin è una ricercatrice di fama mondiale. Il suo campo di studi, ovviamente, è la Realtà Virtuale. Come dr. Rainbow Arshavin, si pone in antitesi ad Akihiko Kayaba, che con il NerveGear e Sword Art Online ha messo in luce gli aspetti negativi dell’uso della Realtà Virtuale. Con le sue ricerche, Rainbow vuole invece dimostrare come la Realtà Virtuale abbia anche i suoi lati positivi e come la si possa usare per fare del bene. Online Rainbow è Seven, idol molto popolare e molto amata, portavoce del messaggio che Rainbow si adopera a diffondere nel mondo reale come dr. Arshavin. In realtà Seven gioca ad ALO e guida la gilda Shamrock per un secondo fine, un progetto chiamato Cloud Brain, che fa leva sulla coscienza collettiva dei giocatori.
Rain è l’unica ad opporsi al progetto e viene cacciata da Shamrock come traditrice.
Rain in realtà vuole solo proteggere Seven dalla sua stessa ambizione, essendo sua sorella maggiore. Isolata da Shamrock, Rain si avvicina a Kirito e compagnia e, dopo varie vicissitudini, ottiene il supporto necessario a sventare i piani di Shamrock.

Un nuovo mondo da esplorare

Gli eventi di SAO:LS si svolgono nel mondo di Svart Alfheim, quattro isole fluttuanti nel cielo, ognuna caratterizzata da un tema e un’ambientazione diversi. Woglinde è un’isola di verdi pascoli e campi fioriti, Wellgunde è un arido deserto, Flosshilde è un mondo di neve e ghiaccio e infine Nibelheim è un’isola avvolta in un’oscurità perenne.

sao lost song svart alfeim

Essendo ALO un mondo intriso di mitologia norrena, molti degli elementi caratterizzanti dei livelli venongo ripresi da questa mitologia, nei nomi dei dungeon, dei boss; persino figure mitologiche come Loki fanno la loro comparsa.

sao lost song loki

Gli abitanti di Alfheim sono fate e quindi possono volare. E questa è la novità più interessante di SAO:LS: il volo, che cambia le carte in tavola sia per quanto riguarda l’esplorazione delle isole, sia nelle meccaniche di combattimento.

sword art online volare

Purtroppo la gestione capricciosa delle telecamere e un sistema di puntamento del bersaglio piuttosto approssimativo, rendono la battaglia aerea un esercizio macchinoso, talvolta frustrante. Occorre farci la mano, ma anche una volta che ci si è impratichiti, può ancora succedere che un’abilità di spada manchi il bersaglio e che il giocatore finisca incastrato in un angolo.

sao lost song wellgunde rock guardian

I dungeon e le creature che si trovano al suo interno — ma anche quelle che si trovano all’esterno, purtroppo presentano un alto livello di ripetitivà. Nei duengon, spesso vengono riutilizzati gli stessi layout, con qualche piccola modifica nelle disposizioni delle stanze e la distribuzione dei puzzle. Anche il tema musicale viene ripetuto a seconda della tipologia di dungeon. Poca varietà anche per quanto riguarda i mobs, con le stesse specie riutilizzate sulle diverse mappe, una colorazione diversa tutto quello che li contraddistingue.

sao lost song fight

I dialoghi, o scenette, come mi piace chiamarle, sono presentati in stile visual novel, con immagini statiche e testo. Tramite i dialoghi non solo viene mandata avanti la storia principale, ma anche tutta una serie di quest personali che servono ad approfondire la caratterizzazione dei personaggi e anche il background di Alfheim Online.
In alcuni casi le scenette sono di puro svago (che strizza l’occhio al fanservice).

sao lost song cat ears cutscene

Tutti i dialoghi della storia principale e di molte delle quest secondarie sono doppiati; purtroppo la lingua parlata è il giapponese, ma i sottotitoli sono disponibili anche in inglese e altre lingue europee, tra cui l’italiano.

In SAO:LS oltre alle abilità di spada, vero marchio di fabbrica di Sword Art Online, sono disponibili anche un numero (invero piuttosto limitato) di magie, legate agli elementi naturali del fuoco, del ghiaccio, della terra, del fuoco, del vento e dell’oscurità/luce, più quelle curative e di supporto.
L’enfasi è comunque posta sulle abilità di spada. In SAO:LS ce ne sono un mumero minore rispetto a Hollow Fragment e l’acquisizione è legata, anziché a un albero delle abilità, alla frequenza d’uso e all’arma impugnata.
Ogni personaggio può impugnare fino a 3 armi diverse, ognuna con il suo set di abilità.

sao lost song menu abilità

Il potenziamento delle armi, è affidato a Lisbeth, il fabbro preferito di Kirito&Co. Richiede denaro (yrd) e materiali, oltre all’arma di base che si vuole potenziare.
I materiali si possono ottenere o raccogliendoli negli ‘harvest point’ o come bottino di mostriciattoli e boss. La probabilità di riuscita è legata al livello di abilità di Lisbeth come fabbro, che aumenta commissionando nuovi potenziamenti.

sao lost song fabbro

In conclusione

SAO:LS ha i suoi pregi e i suoi difetti. Sviluppato dallo Studio ArtDink, anziché Aquria (Hollow Fragment), è un titolo meno complesso del suo predecessore, in una certa misura non altrettanto profondo ma più accessibile. L’approccio story-driven permette ad ArtDink di focalizzare la sua attenzione soprattutto sullo sviluppo di trama e personaggi. Le mappe non sono amplissime e l’esplorazione è sacrificata alle esigenze della trama, ma nel complesso il gioco ha un suo equilibrio. Anche se la grafica non è dettagliatissima, l’uso del cell-shading, le linee pulite e una certa essenzialità nell’allestimento dei fondali, restituisce un tutto armonico, gradevole all’occhio. La colonna sonora si accompagna bene ai fondali e alle situazioni, con alcuni temi davvero piacevoli all’ascolto.
Consigliato ai fan di SAO. Per chi si avvicina alla saga per la prima volta, invece, consiglio di giocare prima a Hollow Fragment.

(In questo video di gameplay non faccio nemmeno schifo…)

NOTE

La versione recensita è quella per Playstation 4. Il gioco è disponibile in versione digitale su Playstation Network ma si può trovare anche in versione retail su Amazon e altri rivenditori online. Il gioco è stato pubblicato sia per PS4 sia per PS Vita, la portatile di Sony.

Annunci

Autore: Valentina Bertani

Racconto storie sul web.

Lascia un commento se l'articolo ti è piaciuto!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...